NASCE IL COMITATO PROMOTORE della Fondazione per il Patrimonio Culturale della Valle Camonica
Avrà un anno di tempo per individuare una soluzione che permetta di gestire in modo unitario il patrimonio culturale della Valle Camonica, a partire dal sito Unesco delle incisioni rupestri. Sono più di 50 i soci fondatori: tra di loro non solo uomini di cultura, ma anche i responsabili delle principali aziende camune. Tutte le migliori energie del territorio si ritrovano dunque insieme per sostenere lo sforzo delle istituzioni.
Si è costituito martedì 9 gennaio 2018 alle ore 14,30, presso l’auditorium “Sen. G. Mazzoli” della Comunità Montana di Valle Camonica, alla presenza del notaio Giorgio Cemmi, il “Comitato promotore della Fondazione per la gestione integrata del patrimonio culturale della Valle Camonica”.
Erano presenti all’incontro - oltre al Presidente della Comunità Montana Oliviero Valzelli, del Distretto Culturale Simona Ferrarini e del Tavolo Unesco Sergio Bonomelli - gli oltre 50 cittadini della Valle Camonica che hanno aderito all’invito a partecipare al percorso costitutivo della nuova Fondazione, e che hanno sottoscritto l’Atto Costitutivo e lo Statuto del Comitato, ed eletto i suoi organi operativi.
La Valle Camonica ha risposto a gran voce all’appello lanciato dalla Comunità Montana per un impegno di tutto il territorio a favore del rilancio del patrimonio culturale della Valle dei Segni: tra i fondatori del Comitato si trovano infatti, oltre a numerosi rappresentanti del mondo culturale camuno, anche importanti manager e uomini di impresa oltre ai responsabili dell’associazionismo e del Terzo Settore.
Ai sensi di Statuto, il Comitato ha “il compito di sviluppare un progetto di dettaglio per addivenire alla costituzione della Fondazione per la gestione integrata del Patrimonio Culturale della Valle Camonica, ente che avrà una propria definitiva denominazione, e che darà attuazione al progetto, individuando le fonti di finanziamento”. Tale compito dovrà essere completato entro il 31 dicembre 2018.
La Fondazione dovrà in seguito integrare la molteplicità dell’offerta culturale e turistica della Valle Camonica in una proposta, anche gestionale ed operativa, che coniughi gli innegabili doveri di conservazione con gli obiettivi di valorizzazione e fruizione del patrimonio, favorendo processi integrati di sviluppo economico e territoriale, anche attraverso un significativo incremento dei visitatori.
Un impegno affidato ai principali membri della Società Civile della Valle Camonica, insieme alla Comunità Montana che rappresenta le istituzioni e tutti i Sindaci del territorio: una volontà unanime di intervento a difesa del patrimonio di identità, storia e valori rappresentato dalla ricchezza culturale della Valle dei Segni, che deve essere messo a sistema e gestito in modo integrato ed efficiente.
La significativa adesione del mondo imprenditoriale e associativo del territorio dà una grande autorevolezza all’azione del Comitato, che potrà rivendicare con più forza da Governo e Regione Lombardi i necessari spazi operativi e finanziari per la promozione culturale e lo sviluppo turistico del sito Unesco e di tutta la Valle Camonica.
Nel corso dell’Assemblea costitutiva sono stati designati all’unanimità e per acclamazione:

Membri del Consiglio Direttivo del Comitato
1. Piantoni Alberto (Presidente) – testimonial e divulgatore del Made in Italy, è attualmente Amministratore Delegato di 1000 Miglia srl, oltre ad essere stato A.D. di Richard Ginori, Bialetti e Missoni.

2. Calzoni Ugo – ha operato in Confindustria a fianco di Luigi Lucchini, è stato manager e uomo di impresa, dirigendo anche importanti aziende pubbliche e agenzie di sviluppo quali l’Istituto Italiano per il Commercio con l’Estero e il Gal Valle Camonica.

3. Maculotti Giancarlo – dirigente scolastico, storico e narratore della Valle Camonica, è presidente del Circolo Culturale Ghislandi. E’ stato sindaco di Cerveno e Assessore alla Cultura della Comunità Montana di Valle Camonica.

4. Martinazzoli Dino - ha operato in un’importante agenzia nazionale di certificazione e revisione dei bilanci di impresa; è stato professore a contratto e consulente in SDA Bocconi ed attualmente è consulente d’azienda con lo studio Athena a Milano.

5. Monchieri Gaia – esponente di una delle aziende camune delle forge, che rappresenta un centro di eccellenza della forgiatura nel mondo.

6. Bonomelli Sergio - in qualità di Presidente del Gruppo Istituzionale di Coordinamento del sito Unesco “Arte rupestre della Valle Camonica”.

7. Ferrarini Simona - in qualità di Presidente del Distretto Culturale e Assessore alla Cultura della Comunità Montana di Valle Camonica.

Tesoriere
1. Luigi Plona, pensionato, dirigente bancario presso la Banca di Valle Camonica-UBI Banca, collabora con varie realtà imprenditoriali e associative del territorio camuno.

Revisore dei Conti 
1. Angelo Farisoglio, commercialista, iscritto all’Albo dei revisori, presidente della cooperativa sociale Arcobaleno e di SolCo Camunia.

https://it-it.facebook.com/DistrettoCulturale/posts/10155970252323407