Statuto

Art. 1 – Istituzione e durata
  • È istituito dalla Comunità Montana della Valle Camonica (di seguito CM), il Coordinamento Territoriale Giovani (di seguito CTG).
  • Il CTG resta in carica 3 anni
  • Il CTG, al decadimento di sei componenti non sostituiti, decade a sua volta e rimanda alla CM il compito di formare, attraverso elezioni, un nuovo CTG.
Art. 2 – Funzioni, obiettivi e finalità
  • Il CTG è un organo consultivo della CM alle quale presenta proposte inerenti alle tematiche giovanili e con la quale si confronta – dando un parere consultivo – su tutti gli argomenti trattati che riguardano i giovani.
  • In particolare, il CTG:
  1. promuove la partecipazione dei giovani alla vita della Valle Camonica e ne favorisce il raccordo con le istituzioni locali;
  2. costituisce strumento di conoscenza della realtà giovanile del territorio, raccogliendo informazioni sui bisogni e sulle condizioni di vita dei giovani della Valle, tramite ricerche ad hoc ovvero a mezzo degli uffici della CM;
  3. promuove iniziative in diversi ambiti d’intervento e settori d’interesse (scuola/università; impresa e lavoro; tempo libero, sport e cultura; tutela della salute e incentivazione corretti stili di vita; etc.) finalizzate al miglioramento qualitativo della condizione giovanile.
Art. 3 - Organi
  • Sono organi del CTG:
  1. l'Assemblea;
  2. il Portavoce;
  3. eventuali Commissioni di Lavoro.
Art. 4 – L’Assemblea
  • Sono componenti dell'Assemblea quindici giovani residenti nel territorio della CM di età compresa tra i 18 e i 34 anni eletti ogni 3 anni attraverso il portale “Segno Futuro”.
  • I membri del CTG svolgono le attività in maniera personale, spontanea e gratuita, con spirito di solidarietà e correttezza morale.
  • Ogni membro ha la facoltà di dimettersi dal ruolo di rappresentante dei giovani presso il CTG dandone formale comunicazione all’Assemblea stessa e alla CM. Tali dimissioni sono immediatamente valide al momento della loro comunicazione.
  • Il CTG rimane funzionante fino a quando il numero dei componenti effettivi l’Assemblea risulta pari o superiore alle otto unità.
  • Nelle note di apertura del verbale di assemblea verranno elencati i presenti, gli assenti giustificati e gli assenti ingiustificati.
  • Al raggiungimento delle cinque assenze ingiustificate consecutive da parte di un componente, il CTG acquista la facoltà di farlo decadere.
  • Se un componente del CTG decade durante i primi 365 giorni di mandato, vengono consultati, in ordine decrescente di voti ricevuti (secondo il calcolo utilizzato per le elezioni), i candidati non vincenti nella sua circoscrizione. In base alle disponibilità viene obbligatoriamente inserito un nuovo componente. E’ facoltà del CTG valutare il ripescaggio in altra circoscrizione, giustificando la scelta a verbale.
  • Se un componente decade oltre il 365° giorno di mandato o l’assemblea non trova un nuovo componente disponibile nei non eletti delle circoscrizioni, il numero dei componenti sul quale viene valutata la validità dell’assemblea diventa il 50% +1 dei componenti in carica.
  • A fine mandato il CTG uscente deve affiancare con attività di tutoraggio il nuovo Coordinamento eletto per almeno sei mesi.
Art. 5 – Il Portavoce
  • Il Portavoce rappresenta il CTG nei confronti della CM e delle istituzioni pubbliche e private operanti nella Valle Camonica.
  • Il Portavoce del CTG convoca le Assemblee, redige l’ordine del giorno, coordina e supervisiona i lavori dell’Assemblea, presiede le sedute e mantiene l’ordine durante le stesse ed è referente dell’Assemblea nei confronti della CM.
  • Il Portavoce è eletto dall’Assemblea e resta in carica per sei mesi; trenta giorni prima della scadenza il Portavoce convoca l’Assemblea per una nuova elezione.
  • Il Portavoce del CTG può essere dichiarato decaduto dalle rispettive cariche per gravi e ripetute inadempienze su richiesta della maggioranza dei componenti dell’Assemblea.
Art. 6 – Gruppi di Lavoro
  • All’interno del CTG potranno costituirsi Gruppi di Lavoro con il compito di trattare e sviluppare le tematiche proposte dall’Assemblea.
  • Detti gruppi si riuniscono autonomamente e - per il raggiungimento di obbiettivi contingenti - potranno avvalersi anche della collaborazione di persone esterne al CTG.
  • Le risultanze del lavoro svolto saranno poi esaminate e sottoposte a votazione nelle riunioni dell’Assemblea.
Art. 7 – Convocazione dell’Assemblea
  • L’Assemblea è convocata dal Portavoce di propria iniziativa o su richiesta della maggioranza dei componenti la stessa.
  • La convocazione dell’Assemblea è comunicata via e-mail ai membri dell’Assemblea con l’indicazione dell’ordine del giorno, della sede e dell’orario dell’incontro, con almeno 5 giorni lavorativi di anticipo.
  • L’Assemblea è convocata non meno di tre volte l’anno - secondo una programmazione quadrimestrale - e in via straordinaria ogni qualvolta se ne rilevi la necessità.
  • Il CTG può richiedere che partecipino ai propri lavori esperti, rappresentanti di Enti e/o Associazioni, Consiglieri o Assessori della CM e/o funzionari della stessa senza diritto di voto.
Art. 8 - Validità delle sedute e delle deliberazioni
  • La seduta dell'Assemblea sono valide se è presente almeno la metà dei componenti l'Assemblea stessa.
  • All’inizio di ogni seduta il Portavoce – o in caso di assenza un suo formale delegato – nomina tra i membri presenti il Segretario. Il Segretario redige sintetico verbale di ogni riunione dell’Assemblea. Il verbale viene inviato via e-mail a ogni membro del CTG e alla CM entro 7 giorni dallo svolgimento della riunione e in ogni caso prima della seduta successiva.
  • Tutte le votazioni vengono effettuate in forma palese, per alzata di mano.
  • Le deliberazioni dell'Assemblea sono approvate a maggioranza dei presenti.
  • Le deliberazioni del CTG non sono vincolanti per la CM.
Art. 9 – Modificazione dello Statuto
  • Le proposte di modifica dello Statuto devono essere presentate per iscritto al Portavoce e saranno incluse nell’ordine del giorno della seduta successiva a quella della presentazione.
  • Le modifiche dello Statuto devono essere approvate con il voto espresso dai 2/3 dei componenti dell’Assemblea.
Art. 10 – Sede
  • La sede del CTG è fissata presso la CM in Piazza Tassara, n.3 - Breno.
  • Le riunioni devono essere tenute nei locali della CM in Piazza Tassara, n.3 - Breno.
  • L’utilizzo di altre sedi per riunioni dell’Assemblea deve essere preventivamente comunicata via e-mail alla CM con almeno 5 giorni lavorativi di anticipo.
Art. 11 – Fondi per la gestione del CTG
  • La CM prevede nel suo bilancio annuale di previsione un capitolo per il finanziamento dei progetti e delle iniziative promossi dal CTG.
Art. 12 – Norme di funzionamento
  • Il CTG si avvale – tramite il suo Portavoce – per il suo funzionamento amministrativo e per ricerche inerenti i suoi fini istituzionali del personale e delle attrezzature tecniche della CM.
  • La CM può invitare il Portavoce del CTG a ogni seduta nel cui ordine del giorno vi siano temi riguardanti il settore giovanile, dandogli facoltà d’intervenire nella discussione. Gli altri membri del CTG possono partecipare all’incontro in veste di uditori, senza diritto di intervento. Nel caso di impedimento a partecipare del Portavoce, lo stesso deve dare formale delega a un membro del CTG.
  • Il CTG relaziona direttamente alla CM almeno due volte all’anno (in occasione dell’approvazione del bilancio preventivo e consultivo) presentando osservazioni o proposte. Queste relazioni avvengono tramite il proprio Portavoce o suo delegato.
Art. 13 – Disposizioni finali
  • Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto valgono le leggi, le normative ed i regolamenti vigenti.
susciama